Logo
Jonathan Swift sapeva delle lune di Marte?
23 Set 2018

Jonathan Swift sapeva delle lune di Marte?

Post by Administrator

Esistono numerose opere letterarie che testimoniano come la fantasia degli scrittori sia in grado di anticipare la realtà. La descrizione delle lune di Marte fatta da Jonathan Swift in un suo libro del 1726 lascia realmente a bocca aperta e induce a sospettare che l’autore abbia attinto tali informazioni da fonti segrete non ufficiali.

Jonathan Swift

Jonathan Swift

Fu soltanto nel 1877 che l’astronomo Asaph Hall, mentre scrutava coi suoi strumenti il cielo notturno, vide per la prima volta le due lune orbitanti intorno a Marte, che nessun altro astronomo aveva mai individuato prima di allora. Ma Jonathan Swift, l’autore dei Viaggi di Gulliver, un libro da molti considerato come un antesignano del genere fantascientifico, aveva già scritto di queste lune molto tempo prima, spingendosi al punto di fornire con noncuranza dati sulle loro dimensioni e sulle loro orbite: tutto questo in un romanzo puramente fantastico, scritto nel 1726, ben centocinquant’anni prima che Asaph Hall facesse “ufficialmente” la sua scoperta.

Swift scrisse: “Due stelle minori, o satelliti, che ruotano intorno a Marte. Quella interna dista dal centro del pianeta principale esattamente tre volte il suo diametro, e quella esterna cinque; la prima ruota nell’arco di dieci ore, e la seconda impiega ventun ore e mezzo“. Una descrizione totalmente in accordo con i dati oggi conosciuti sul pianeta rosso.

Viene da chiedersi come abbia fatto Jonathan Swift a ricavare questi dati agli inizi del XVIII secolo. L’aveva forse letto in qualche improbabile testo antico ignoto alla scienza o alla letteratura? Viceversa, se tutto era soltanto frutto della sua immaginazione, come è possibile spiegare l’estrema precisione con la quale lo scrittore era riuscito a descrivere quei corpi celesti la cui esistenza era peraltro ancora ignota? Niente di quanto sappiamo sulla sua vita o di quanto abbia lasciato scritto lascia intravedere una risposta.

Le lune di Marte sono oggi una verità riconosciuta dall’astronomia. Asaph Hall, in omaggio all’antichità, le chiamò Phobos (Paura) e Deimos (Terrore), che erano i nomi antichi dei cavalli di Marte, il dio della guerra, da cui il pianeta rosso aveva ricevuto il nome numerosi secoli prima.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0
Tags: ,