Logo
Le facoltà paranormali di Padre Pio
28 Nov 2016

Le facoltà paranormali di Padre Pio

Post by Administrator

La vita di Padre Pio, analogamente a quella di molti santi, è disseminata di avvenimenti misteriosi e inspiegabili. È innegabile che il santo di Pietrelcina fosse dotato di innumerevoli facoltà sovrannaturali. Oltre al noto fenomeno delle stigmate, Padre Pio era in grado di bilocarsi e prevedere eventi futuri.

Padre Pio

Padre Pio

Padre Pio, nato nel 1887 e il cui vero nome era Francesco Forgione, è noto soprattutto per le stigmate. Ma quando morì, nel 1968, gli erano già stati attribuiti parecchi altri fenomeni miracolosi, comprese alcune guarigioni. La facoltà più straordinaria che i suoi fedeli gli attribuivano, mai smentita dall’interessato, era quella della bilocazione, ossia la sua miracolosa presenza simultanea in due luoghi diversi. Si dice che, in almeno un caso, il religioso avrebbe lasciato una prova di questo suo potere, e precisamente quando una donna malata di Borgomanero gli rivolse una supplica affinché la guarisse. Egli sarebbe apparso immediatamente al suo capezzale e, alla richiesta di lasciare una prova della sua visita, avrebbe posato una mano con le stigmate sul lenzuolo, lasciando l’impronta di cinque macchie di sangue a forma di croce. Il lenzuolo del miracolo è ancora esposto al pubblico nella cittadina piemontese.

Un racconto altrettanto significativo riguarda monsignor Damiani, di Salto, in Uruguay. Questi fece visita a Padre Pio a Foggia, e in tale occasione il padre gli promise che sarebbe stato presente alla sua morte. Nel 1942, tredici anni più tardi, un gran numero di religiosi uruguayani erano riuniti a Montevideo. Una notte, Antonio Maria Barbieri, l’arcivescovo della città, fu svegliato da qualcuno che bussava alla sua porta. Questa era socchiusa ed egli vide passare un frate cappuccino, mentre una voce gli diceva: “Vada subito da monsignor Damiani, perché sta morendo“. L’arcivescovo si precipitò e trovò il monsignore agonizzante. Sul suo tavolino da notte c’era una striscia di carta con la scrittura di monsignor Damiani, che diceva: “Padre Pio è venuto“.

L’arcivescovo Barbieri venne in Italia nel 1949 e chiese a Padre Pio se fosse stato lui il cappuccino che gli aveva annunciato la morte imminente di monsignor Damiani. E poiché Padre Pio non negava e nemmeno confermava, l’arcivescovo disse infine: “Capisco“. Annuendo, Padre Pio rispose: “Sì, lei ha capito”.

Padre Pio non amava parlare delle sue facoltà miracolose, ma si diceva che avesse anche il dono della chiaroveggenza. Il 20 gennaio 1936, invitò tre visitatori del suo convento a unirsi in preghiera con lui, poiché un’anima stava salendo al cielo. Gli ospiti acconsentirono, dopo di che il padre disse loro che, mentre pregavano, era morto Giorgio V d’Inghilterra, notizia che ben presto venne diffusa dagli organi di informazione inglesi.

La vita del santo di Pietrelcina è stata costellata di innumerevoli fatti inspiegabili e miracolosi. Il carattere riservato e la nota ritrosia di Padre Pio nel mostrare le sue straordinarie doti, rendono difficile avere un’idea chiara di quale fosse la vera portata delle sue capacità sovrannaturali. In compenso, sono numerose le testimonianze pervenuteci in maniera diretta o indiretta che aiutano a gettare luce su una delle figure più enigmatiche della Chiesa cattolica del XX secolo.

Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0
Tags: , , , , ,